La Guardia di Finanza sequestra un B&b: massaggi, prostitute e reati fiscali

La Guardia di Finanza della tenenza di San Pietro Vernotico, ha fermato un giro di massaggi, prostitute e reati fiscali, dopo aver condotto indagini serrate protrattesi per diversi mesi.

La struttura coinvolta sarebbe un Bed&Breakfast situato in una zona periferica di Cellino San Marco, utilizzato anche come centro massaggi e luogo in cui si sarebbero consumati rapporti sessuali tra quattro prostitute e i numerosi clienti che, in tutti questi mesi, hanno frequentato la struttura, come verificato dai pedinamenti, dalle intercettazioni telefoniche e dalle riprese video effettuate dai militari nell'arco di diversi mesi, fino a ieri mattina, 24 gennaio, quando, in seguito ad un'operazione denominata “Alba”, si è arrivati all'arresto di G.O., 68 anni, con l'accusa di sfruttamento della prostituzione. Le Fiamme Gialle sarebbero arrivate a scoprire i traffici irregolari del B&b in questione, mentre erano intenti a contrastare una serie di reati fiscali sul territorio; la struttura, infatti, che avrebbe un valore di circa 250 mila euro, sarebbe priva di qualsiasi autorizzazione amministrativa e sanitaria, tanto che è stato disposto il suo sequestro. Due prostitute, invece, sarebbero state indagate, una in quanto considerata amministratrice del B&b, l'altra perché avrebbe firmato un contratto di locazione relativamente all'appartamento sito al primo piano della struttura, utilizzato dalle altre prostitute e dai clienti per la consumazione di rapporti sessuali, per il quale sarebbe stata accusata di favoreggiamento della prostituzione.

Ottica Fiorentina